Lorenzo Betti: la vera sfida sono il benessere diffuso e l’inclusione
26 maggio 2019
Elizabeth Salini: la vera forza non si misura da chi hai sconfitto, ma da cosa hai protetto
31 maggio 2019

Marco Barbieri: innovarsi giorno per giorno

“Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”.
La frase di San Francesco d’Assisi fa parte del dna di Marco Barbieri (43 anni, sposato con Lucia, quattro figli), segretario generale di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza.
Marco Barbieri è laureato in Giurisprudenza (indirizzo internazionale) all’Università Cattolica di Milano con un Master di specializzazione in diritto del lavoro conseguito all’Ipsoa. È giornalista pubblicista. La sua attività sindacale ha preso avvio a Lodi: dal 2003 al 2008 Barbieri è stato segretario generale di Confcommercio Lodi per poi giungere, chiamato dal presidente Carlo Sangalli, in Confcommercio Milano nella sede di corso Venezia: dapprima come responsabile dell’Area rete associativa e coordinatore delle associazioni di categoria; successivamente come direttore delle Relazioni istituzionali.

D.Chi è un innovatore per te? Perché?
L’innovatore è un visionario di cose nuove che poi realizza. Innovatore è chi ha il coraggio e l’intelligenza di inventare un’attività imprenditoriale anticipando le esigenze del mercato. Ma innovatore è anche chi fa impresa quotidiana. Che vuol dire, concretamente, innovarsi giorno per giorno.

D. Qual è l’innovazione che cambierà il mondo nei prossimi anni?
Credo l’intelligenza artificiale e la realtà virtuale raccordate al potenziamento esponenziale dei computer. Uno scenario affascinante, ma che fa anche paura se non governato bene.

D.Qual è il ruolo di un leader in un’organizzazione?
Indicare una visione realizzabile e realizzarla. Coltivare l’esempio e lo spirito di squadra. Ascoltare con vera attenzione le persone e cercare, quella che il mio presidente Sangalli chiama “la fatica del consenso e delle alleanze”.

D.Una persona che ha lasciato il segno nella tua vita?
Mia moglie e i miei figli.

D.La tua più grande paura/la tua più grande speranza?
La mia più grande paura è quella di essere inadeguato. La mia più grande speranza è cercare sempre di risolvere un problema.

D.Il tuo progetto di lavoro attuale e quello futuro.
Confcommercio Milano è una realtà complessa e i progetti in corso sono tanti. Credo molto in quello sulle periferie che, insieme al Comune, ho l’obiettivo ambizioso di migliorare.
Quello futuro è impegnare l’organizzazione nelle varie sfide: digitalizzazione, globalizzazione, imprenditoria straniera, sviluppo dei vari settori imprenditoriali nel contesto di una Milano sempre più Città Mondo.

D. La cosa che più ti fa emozionare e quella che ti fa più arrabbiare.
Mi emoziono quando contribuisco a risolvere il problema di un’impresa o di un settore. Quando arriva un grazie, inaspettato, per un ostacolo superato.
Mi arrabbio con me stesso quando non riesco a trasmettere la passione e l’impegno per gli obiettivi da raggiungere.

Iscriviti alla Newsletter









Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi