Paolo Cappelli: il vero leader cambia senza cancellare il passato
14 Giugno 2020

Giuseppe Arleo: innova chi realizza i propri sogni

“Wall Street è l’unico luogo in cui chi arriva in Rolls-Royce chiede consiglio a chi arriva in metropolitana.” Di Warren Buffett. A dimostrazione che le capacità delle persone hanno sempre possibilità di essere valorizzate oltre le barriere che la società e l’economia pone in essere. A dirlo è Giuseppe Arleo, fondatore dello Studio Arleo, realtà nel settore della consulenza in materia di finanza alle imprese, punto di riferimento per le Pmi e per molti professionisti operanti sul territorio nazionale. Giuseppe lo abbiamo coinvolto anche in Competere.Eu affidandogli l’Osservatorio sulla Ricostruzione economica Post Covid19.

D. Chi è un innovatore per te? Perché?
R.  Innovatore è colui che ha visione, ha un sogno da realizzare ma contestualmente ha la capacità e le competenze da mettere in campo per realizzare il suo desiderio.

D. Qual è l’innovazione che cambierà il mondo nei prossimi anni?
R.  Quella che farà guadagnare il tempo, la vera risorsa che abbiamo e che non sempre sappiamo spendere nel modo giusto.

D. Qual è il ruolo di un leader in un’organizzazione?
R.  Il leader è colui in grado di lavorare con gli altri, più e meglio degli altri, ma non facendo pesare il suo talento.

D. Una persona che ha lasciato il segno nella tua vita?
R.  Gianni Agnelli, uomo di intelligenza sopraffina, mai banale e dalle osservazioni sempre intelligenti.

D. La tua più grande paura/la tua più grande speranza?
R.  La paura è che un periodo di crisi rubi la possibilità di fare business agli imprenditori. Parimenti, la speranza è che quel periodo favorisca il superamento di vecchi modelli di procedure nella gestione dei fondi pubblici a favore delle imprese.

D. Il tuo progetto di lavoro attuale e quello futuro.
R.  Il mio progetto attuale è quello di far crescere le aree di business dello studio in materia di finanza per le imprese. Il progetto per il futuro è riuscire a veicolare i fondi europei diretti anche per le Pmi.

D. La cosa che più ti fa emozionare e quella che ti fa più arrabbiare
R. Mi emoziona la volontà delle persone di costruire un percorso imprenditoriale autonomo, creare e fare impresa, mettersi in gioco sfidando le proprie capacità ed alla fine dire “ce l’ho messa tutta”. Mi delude la burocrazia che pone ostacoli alla crescita economica delle persone impegnate a realizzare il proprio sogno imprenditoriale.

Iscriviti alla Newsletter









Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi