Mattia Rossi: strategia ed execution per beneficiare dell’innovazione anziché subirla
24 febbraio 2019
Michele Cappone: innovare è pensare fuori dagli schemi e non aver paura di sostenere le proprie idee
16 marzo 2019

Pietro Valdes: innova anche chi valorizza una scoperta altrui

Coerenza e moralità, questo il motto che chiude tutte le mail di Pietro Valdes, Regional Managing Director di Badenoch & Clark e Spring Professional. Con una Laurea in Ingegneria all’Università degli Studi di Padova, dopo una breve esperienza come Ufficiale ed in Fincantieri, Pietro ha sviluppato dall’ottobre 2000 a luglio 2013 il proprio percorso professionale nel gruppo Michael Page.
In Michael Page Italia è cresciuto da consulente fino a Vice General Manager per poi trasferirsi nel maggio 2011 presso Michael Page Turchia dove è rimasto per oltre due anni con la qualifica di General Manager. Entra nella famiglia The Adecco Group assumendo la responsabilità dei brand Badenoch & Clark e Spring Professional. Attualmente ricopre il ruolo di Regional Managing Director per entrambi i brand in Italia, Polonia e Turchia.

D. Chi è un innovatore per te? Perché?
R. per me ci sono 2 tipi di innovatori:
• quelli che ‘inventano’ qualcosa di nuovo
• quelli che ‘valorizzano’ una scoperta di altri (cioè ne trovano il giusto contesto e fanno sì che realmente diventi qualcosa che cambia la vita delle persone).

D. Qual è l’innovazione che cambierà il mondo nei prossimi anni?
R. Io sogno il teletrasporto (fantascienza). In realtà il mondo va sempre più verso il green, quindi suppongo qualcosa che ci permetta la reale creazione ‘semplice’ di energia da elementi che ora eliminiamo.

D. Qual è il ruolo di un leader in un’organizzazione?
R. Il leader è colui che si prende carico di ‘portare’ un’organizzazione da un punto ad un altro. Ci sono poi diversi tipi di leader (la letteratura li narra bene), ma nella sostanza un vero leader è colui che viene realmente seguito in maniera spontanea.

D. Una persona che ha lasciato il segno nella tua vita?
R. Mio padre.

D. La tua più grande paura/la tua più grande speranza?
R. Paure: onestamente poche, sono una persona positiva e vedo tante opportunità.
Speranze: le ‘speranze’ non mi piacciono, ma ho tanti sogni. All’interno di un mondo valoriale il sogno è di un benessere generale, in un contesto più personale è di potere lasciare un segno importante
ovviamente: speriamo che non ci sia una guerra…

D. Il tuo progetto di lavoro attuale e quello futuro.
R. Oggi sono all’interno di una multinazionale il responsabile di un business (executive search) a livello nazionale e (un po’) internazionale. In futuro vorrei avere un maggiore respiro internazionale e la responsabilità globale del business.

D. La cosa che più ti fa emozionare e quella che ti fa più arrabbiare
R. Le persone. Sono la cosa più bella e a volte la maggiore delusione.

Iscriviti alla Newsletter









Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi